- stay tuned -

Irving Penn

Un buon fotografo è una persona che comunica un fatto, tocca il cuore, fa diventare l’osservatore una persona diversa.
IRVING PENN
| Mosè Franchi | GRANDI AUTORI

E’ difficile “conoscere meglio” Irving Penn, perché non è facile afferrarne lo stile, lo sguardo fotografico, lo stesso pensiero. Le sue immagini procurano piacere, stupore, meraviglia; forse anche commozione; ma non si riesce ad andare oltre, se non descrivendo ciò che si vede. Chi era Irving Penn...Lui è conosciuto per le sue fotografie di moda, ritratto e still life, che hanno condizionato il modo d’intendere lo stile nel tempo che gli appartiene.

Nel 1943 scatterà la prima Copertina di Vogue. Da quel momento passeranno davanti a lui tutte le più importanti celebrità attori, artisti, personaggi dello spettacolo e della cultura e i suoi scatti modificheranno addirittura l’immagine della rivista, ma avranno un impatto importante sull’intera fotografia di moda e di ritratto, condivisibile ancora oggi.

Tutto ciò lo si deve, forse, alla sua semplicità d’animo. Penn rimarrà sempre lontano dalla celebrità, con la quale prenderà più volte le distanze; qualità quest’ultima che gli permetterà di non essere definito unicamente come un fotografo di moda. Qualsiasi soggetto lui avesse ingaggiato, il risultato sarebbe stato il medesimo: un’impostazione minimale, sommata a un’attenzione spiccata per i dettagli.

La ricerca personale

Come tutti i grandi, anche Penn fugge dal mondo che lo consacra. Porta avanti negli anni delle ricerche personali in ambiti lontani rispetto alla società moderna che vive commercialmente. Ecco quindi la documentazione di persone e comunità che vivono al di là dei margini consueti per lui. I viaggi intrapresi per Vogue costituiscono un’opportunità.

Penn può realizzare degli shooting estemporanei della gente comune, quella che incontra per strada. Ne nascono ritratti anonimi, ottenuti all’interno del suo studio portatile, davanti allo stesso sfondo neutro che ha sempre caratterizzato le sue fotografie di moda. I soggetti mostrano una forte presenza scenica, indossano gli indumenti usuali e portano con sé gli strumenti che compongono il loro lavoro. Vivono comunque in un mondo a parte: si esaltano perché risultano estraniati rispetto alla vita quotidiana.

Irving Penn e i ritratti

Durante la collaborazione con Vogue, Penn ha ritratto numerose celebrità: artisti, scrittori e altre personalità rilevanti del tempo. Possiamo dire che ci ha consegnato uno spaccato della storia culturale del ventesimo secolo.

Durante la prima campagna, vasta per portata, ha allestito ambientazioni insolite, dove i soggetti erano inseriti dentro un angolo stretto, formato da due pareti. In altre occasioni, i personaggi si sarebbero seduti su un basamento coperto da un tappeto certo non ben conservato.

Quest’atteggiamento indica il desiderio di Penn nel creare una frattura di spazio e tempo con la realtà. La persona ritratta si sarebbe trovata isolata, sola; ma libera di manifestarsi in una circostanza insolita, forse anche fastidiosa. Il risultato desta sorpresa, meraviglia. Salvator Dalì (New York, 1947)

Questa pratica ha permesso a Penn di affinare la sua capacità di produrre l'ambiente senza altro che uno sfondo e uno sgabello. Sempre uno per evitare sfondi decorati che potrebbero distrarre dal soggetto, nei suoi ritratti Penn cercava di distillare l'essenza del suo soggetto.

Quando discuteva del suo ritratto, lo incorniciava nel tentativo di trovare una persona in un momento di calma, quando lasciavano cadere la facciata.

Moda

Durante la lunga carriera di Penn in Vogue, la moda è stata una parte essenziale dei suoi incarichi. Negli anni '40, usando fondali di carta bianca e composizioni sorprendenti per enfatizzare la forma, introdusse uno stile conciso nella fotografia di moda che si discostava dagli ambienti ornati che avevano definito il genere. Oltre alle fotografie fatte in studio dal 1950 al 1995, Penn si recava spesso a Parigi per fotografare le collezioni di alta moda per la rivista. Fino alla fine della sua vita, Penn ha usato lo stesso sipario teatrale trovato per lui a Parigi nel 1950 come sfondo per trasformare una notevole varietà di stili e design in immagini senza tempo. Fin dall'inizio, Penn ha cercato di esprimere la forma scultorea dell'abbigliamento, un tema che ha esplorato in una collaborazione speciale con Issey Miyake.

Nudi

Durante i fine settimana e la sera tra il 1949 e il 1950, Penn fotografò una serie di nudi. Disegnato su modelli carnosi le cui corpulenti ondulazioni ha catturato in primo piano, le ha stampate usando tecniche sperimentali, sbiancando e riqualificando le stampe fino a quando non hanno assunto una qualità eterea. Con questo progetto, Penn si è avvicinato alla fotografia con principi contrari alla lucente lucentezza richiesta dalle pagine delle riviste.

Ha anche fotografato nudi in vari altri punti della sua carriera: l'officina del ballerino di San Francisco nel 1967, una serie di nudi da bagno alla fine degli anni '70 e numerosi altri negli anni '90.



Buona fotografia a tutti

Irving Penn

Irving Penn Irving Penn è stato uno dei grandi fotografi del ventesimo secolo. Sebbene fosse celebrato come uno dei migliori fotografi della rivista Vogue per più di sessant'anni, Penn era un uomo intensamente privato che evitava le luci della ribalta e continuava il suo lavoro con dedizione tranquilla e implacabile. In un'epoca in cui la fotografia era principalmente intesa come mezzo di comunicazione, lui la avvicinava con l'occhio di un artista e ampliava il potenziale creativo del mezzo: sia nel suo lavoro professionale che personale.

Nato nel 1917 a Plainfield, nel New Jersey, da genitori immigrati, Penn ha frequentato la Philadelphia Museum School of Industrial Arts dal 1934 al 1938 e ha studiato con Alexey Brodovitch nel suo laboratorio di design. Emigrato russo che aveva lavorato a Parigi negli anni '20, Brodovitch ha applicato i principi dell'arte moderna e del design in vari campi: riviste, mostre, architettura e fotografia.

Dopo un po' di tempo a New York come assistente di Brodovitch all'Harper's Bazaar e vari lavori come art director, Penn andò in Messico per dipingere nel 1941, viaggiando attraverso il sud americano e scattando fotografie lungo la strada. Alla fine fu deluso dai suoi dipinti e li distrusse prima di tornare a New York alla fine dell'anno successivo. Nel 1943, il nuovo art director di Vogue, Alexander Liberman, assunse Penn come suo associato per preparare layout e suggerire idee per le copertine ai fotografi della rivista. Liberman, un altro emigrato russo che aveva lavorato a Parigi, guardò i fogli di contatto di Penn dai suoi recenti viaggi e riconobbe "una mente e un occhio che sapeva cosa voleva vedere". Ha incoraggiato Penn a iniziare a scattare le fotografie che immaginava, avviando una lunga e fruttuosa carriera e una collaborazione che ha trasformato la fotografia moderna.

Dopo la seconda guerra mondiale, quando Penn divenne rapidamente famoso per il suo stile sorprendente nella natura morta e nella ritrattistica, Liberman lo mandò in giro per il mondo per incarichi di ritratto e moda. Queste sono state esperienze formative, che hanno confermato la preferenza di Penn per la fotografia in un ambiente controllato di uno studio, in cui poteva tagliare tutto ciò che non era essenziale per le sue composizioni e affinare i suoi soggetti. Separatamente da questi incarichi, Penn ha intrapreso un grande progetto personale, fotografando nudi carnosi a distanza ravvicinata in studio e sperimentando la loro stampa per "rompere la lucentezza dell'immagine". Era un nuovo approccio alla fotografia che derivava da una profonda riflessione sui precedenti modelli storici dell'arte, ma le immagini erano considerate troppo provocatorie e non mostrate per decenni.

Nel 1950, Penn fu inviato a Parigi per fotografare le collezioni di alta moda per Vogue. Ha lavorato in uno studio diurno con una vecchia tenda teatrale come sfondo, ed è stato onorato con una straordinaria modella di nome Lisa Fonssagrives, che ha incontrato per la prima volta nel 1947. Nata in Svezia e formata come ballerina, era una delle più ricercate dopo i modelli di moda del tempo, con una sofisticata comprensione della forma e della postura. Penn in seguito ha ricordato: "Quando Lisa entrò, la vidi e il mio cuore batteva forte e non c'erano dubbi che fosse così." Si sposarono a Londra nel settembre 1950. Durante questo periodo, Penn lavorò anche a un progetto ispirato da una tradizione di stampe antiche, fotografando i "Piccoli mestieri" - stampelle, fornai, operai ed eccentrici che appartenevano a un mondo che stava scomparendo.

Il viaggio di Penn per Vogue aumentò tra il 1964 e il 1971, portandolo in Giappone, Creta, Spagna, Dahomey, Nepal, Camerun, Nuova Guinea e Marocco. Durante questi viaggi Penn era sempre più libero di concentrarsi su ciò che realmente lo interessava: realizzare ritratti di persone alla luce naturale. Durante i primi viaggi, adattò gli spazi esistenti come un garage o un fienile alle sue esigenze e notò il ruolo cruciale di un ambiente neutro per incoraggiare lo scambio rispettoso a cui era interessato. Alla fine questo lo portò a costruire uno studio tenda che potesse essere smantellato e portato da un luogo all'altro. Penn sentì "in questo limbo [della tenda] c'era per noi sia la possibilità di contatto che era una rivelazione per me e spesso, potrei dire, un'esperienza commovente per i soggetti stessi, che senza parole - solo per la loro posizione e la loro concentrazione — sono stati in grado di dire molto che ha attraversato il divario tra i nostri diversi mondi ".

Il lavoro di Penn inizialmente aveva uno sbocco ideale sulle pagine di Vogue, dove era finemente riprodotto e ampiamente diffuso. Tuttavia, nei primi anni '50, gli editori iniziarono a ritenere che le fotografie di Penn fossero troppo severe per la rivista, che "[bruciarono] sulla pagina". Di conseguenza, i suoi compiti furono ridotti e si rivolse alla pubblicità. Penn ha accolto con favore le sfide che questo nuovo campo ha offerto, in particolare nelle aree della fotografia di still life, e ha sperimentato luci stroboscopiche per produrre immagini dinamiche che hanno rivoluzionato l'uso della fotografia nella pubblicità.

All'inizio degli anni '60, i budget delle riviste erano tesi e vi era un calo della qualità delle riproduzioni offset. Sebbene Penn stesse di nuovo fotografando ampiamente per la rivista, divenne sempre più deluso dal modo in cui le sue fotografie apparivano sulla pagina, commentando che aveva persino evitato di guardarle perché "facevano troppo male". La sua soluzione a questa situazione fu quella di fare da pioniere silenzioso a un rilancio delle precedenti tecniche di stampa, rivoluzionario per un tempo in cui le stampe fotografiche non erano considerate oggetti artistici. A partire da ampie ricerche e sperimentazioni, ha studiato metodi del XIX secolo che potevano offrire un maggiore controllo sulle sottili variazioni e tonalità che cercava in una stampa. Ha proseguito con le sue indagini fino a quando non ha perfezionato un complesso processo di stampa su platino e metalli di palladio, allargando i negativi per la stampa a contatto su carta per artisti sensibilizzati a mano, che è stata aderita a un foglio di alluminio in modo che potesse resistere a più rivestimenti e stampe.

All'inizio degli anni '70, Penn ha chiuso il suo studio di Manhattan e si è immerso nella stampa al platino nel laboratorio che ha costruito nella fattoria di famiglia a Long Island, New York. Ciò portò a tre serie principali concepite per il platino: Cigarettes (1972, presentato al The Museum of Modern Art nel 1975), Street Material (1975-1976, mostrato al Metropolitan Museum of Art nel 1977) e Archeology (1979-1980, esposto alla Marlborough Gallery nel 1982). Come le sue precedenti serie Nudes, quest'opera si discosta radicalmente dagli usi prevalenti della fotografia. Sebbene molti lo trovassero repulsivo, Penn vide nell'argomento "un tesoro dei rifiuti della città, forme intriganti e distorte di colore, macchia e tipografia".

Nel 1983, Penn ha riaperto uno studio in città e ha ripreso un fitto programma di lavori commerciali e incarichi di riviste. L'anno seguente, è stato onorato con una retrospettiva curata da John Szarkowski al The Museum of Modern Art, che è stato in tournée a livello internazionale fino al 1989.

Dopo la retrospettiva, Penn ha ripreso a dipingere e disegnare come una ricerca creativa, incorporando persino la stampa al platino nella sua pratica. Ha anche trovato la libertà creativa attraverso una corroborante collaborazione a distanza con la designer giapponese Issey Miyake, che ha inviato i suoi progetti dinamici e scultorei a New York affinché Penn interpretasse fotograficamente.

La creatività di Penn è fiorita negli ultimi decenni della sua vita. I suoi ritratti innovativi, fotografie di nature morte, moda e bellezza continuano ad apparire regolarmente su Vogue. Lo studio era impegnato con riviste, pubblicità e lavori personali, nonché con progetti di stampa e mostre. Penn ha abbracciato con entusiasmo nuove idee, costruendo macchine fotografiche per fotografare detriti sul marciapiede, sperimentando una banda di luce in movimento durante le lunghe esposizioni o con la stampa digitale a colori. Anche i progetti di libri erano una priorità e Penn ha prestato attenzione alla loro produzione, dal design alla qualità della stampa. Determinato a modellare il corpus di lavoro che si era lasciato alle spalle da una carriera così prolifica, ha anche strutturato con cura e ridotto i suoi archivi. Soprattutto dopo la morte di Lisa nel 1992, cercò conforto nel suo lavoro e nella struttura del suo programma in studio e dipinse quasi tutte le sere dopo il lavoro e nei fine settimana. Nel 2009, Penn è morto a New York, all'età di 92 anni. Durante la sua vita, ha fondato la Irving Penn Foundation, che è cresciuta dallo studio e la cui devozione per l'eredità di Penn deriva dal contatto con il suo straordinario spirito.


Direttore responsabile
Mosè Franchi

Art Director
Massimo Reggia

Comitato di Redazione
Simone Andreella
Roberta Cesni
Ludovica Giardinelli
Giorgio Zorzini

Redazione
Consorzio Gruppo Immagine
Viale Andrea Doria, 35
20124 Milano
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Distributore esclusivo

Consorzio Gruppo Immagine

Periodicità Bimestrale
Prezzo copia 12,00 euro.
Arretrati 15,00 euro.
Abbonamento a 6 numeri: ritiro in negozio Photop
42,00 euro.
spedizione postale
62,00 euro.

Image Mag è una pubblicazione
Consorzio Gruppo Immagine

Image Mag è una testata registrata presso il Tribunale di Milano con autorizzazione
n. 237 del 1 Giugno 2012

È proibita la riproduzione di tutto o parte del contenuto senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.

L’Editore è a disposizione per regolare i diritti delle immagini i cui titolari non siano stati reperiti.


ALLA ROTONDA Via San Vigilio,7 - TRENTO (TN) Tel.0461985317
ANDREELLA PHOTO Via Carlo porta,2 - BUSTO ARSIZIO (VA) Tel.03311489823
BONGI Via Por Santa Maria 82-84R - FIRENZE (FI) Tel.055 239881
EUROPHOTO Corso Siracusa 196/C - TORINO (TO) Tel. 0113115111
GRANDE MARVIN Via Carlo Alberto,49 - TORINO (TO) Tel. 0115616411
F.O.D. Via Padova, 175 - MILANO (MI) Tel. 02.27209152
FOTO ATTUALITA' CESNI P.zza Setti 3 - TREVIGLIO (BG) Tel. 036349740
FOTO ATTUALITA' CESNI Via Umberto I°, 39 - PANDINO (CR) Tel. 037390255
FOTO DE ANGELIS 1 Via Maggini 84 - ANCONA (AN) Tel. 0712801945
FOTO DE ANGELIS 2 Corso Mazzini 42 - ANCONA (AN) Tel. 0712074257
FOTO DE ANGELIS 3 Centro comm. Le Ville Via Puglie 8 - FALCONARA M.MA (AN) Tel. 0719173765
FOTO DE ANGELIS 4 Centro comm. Grotte Center Via Campo D'Aviazione 17 - CAMERANO (AN) Tel. 0719697184
FOTO DOTTI Viale Storchi, 281 - MODENA (MO) Tel. 059821000
FOTO ESSE Via dei Mille 14 - GROSSETO (GR) Tel. 0564648362
FOTO PANDINI Via Garibaldi, 121- FERRARA (FE) Tel. 0532.202821
OTTICA PAOLETTI Via Clavature 9/D - BOLOGNA (BO) Tel. 051267656
PHOTO' 19 Via Solferino,23 - BRESCIA (BS) Tel. 03042070
PHOTO MARKET VIDEO Via Giustizia, 49 - MESTRE (VE) Tel. 041915444

Like what you see?

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...